sabato 20 febbraio 2016

Baci di Dama

Il classico dei classici, piace a tutti ed è facilissimo da preparare..il re dei biscotti: il Bacio di Dama!
Difficile trovare qualcuno che non ami questo biscotto/pasticcino, che vanta più di cento anni di vita, infatti i Baci di Dama nacquero in Piemonte, a Tortona, nell'Ottocento ed erano originariamente prodotti con le nocciole piemontesi, più facili da reperire e meno costose delle mandorle. Una leggenda, molto romantica, vuole che i Baci di dama siano nati dalla fantasia di un cuoco di casa Savoia nell'autunno del 1852 su richiesta di Vittorio Emanuele II che voleva assaggiare un nuovo dolce, venne realizzato e piacque così tanto che da allora venne servito sulle tavole reali d'Italia e d'Europa. Furono chiamati così perché composti da due calotte di pasta unite dal cioccolatobche richiamano due labbra intente a baciare.
Esistono ovviamente numerose varianti di questa ricetta, quella che uso io è fantastica e non la cambierei per nulla al mondo!

Ingredienti:

200 g burro o margarina vegetale a temperatura ambiente
200 g mandorle pelate
80 g zucchero
240 g farina
crema alla nocciola

Procedimento:

Frullare le mandorle con lo zucchero cercando di polverizzarli il più possibile, aggiungere la polvere ottenuta al burro e unire bene il tutto, poi poco alla volta aggiungere la farina. Formare delle palline e tagliarle a metà appoggiandole poi sulla teglia con carta forno. Infornare a 170°/180° per circa 20 minuti. Quando saranno fredde, mettere la crema alla nocciola e unire le due metà. Se serve, è possibile metterli in frigorifero finchè saranno perfettamente compatti.







Cordon Bleu Vegan

Una giornata non basta mai per fare tutto quello che si vorrebbe fare (oltre il lavoro che occupa la maggior parte della giornata) quindi approfittiamo di una parentesi nel weekend per deliziare i nostri palati con qualcosa di appetitoso e contemporaneamente sano.
Ho preparato questo piatto, che può essere piatto unico oppure un secondo, che a me ricorda molto il tradizionale cordon bleu di pollo ripieno di formaggio e prosciutto, riproposto con verdure sia nel ripieno che fuori :-), li ho preparati con la forma e le dimensioni tipiche del cordon bleu, una proposta perfetta anche per i bambini, sana, nutriente e leggera.
Bastano pochi ingredienti per creare qualcosa di veramente goloso, è possibile realizzarli anche con dimensioni più piccole e servirli tra gli antipasti o negli aperitivi, buonissimi caldi oppure a temperatura ambiente. L'idea di questa ricetta viene sempre da Elisabetta e Federica de "Il Goloso Mangiar Sano", bravissime come sempre!
La mia proposta è quella di realizzarli un po' più gradi (come il classico cordon bleu appunto), inoltre è possibile realizzarli anche con altre verdure all'interno come melanzane e zucchine, oppure peperoni, cavoletti, ecc., praticamente con ogni verdura!

Ingredienti:

900 g di patate
80 g di farina integrale (peso variabile a seconda del tipo di patata utilizzata)
200 g funghi 
50 g spinaci (freschi o surgelati)
olio/sale/erbe aromatiche

Procedimento:

Cuocere le patate al vapore (cottura consigliata per evitare l'eccesso di acqua nelle patate) e schiacciarle, aggiungere poi olio e sale e far raffreddare. Nel frattempo saltare in padella i funghi con la cipolla e un filo d'olio e aggiungere gli spinaci freschi (se utilizzo quelli surgelati li faccio cuocere a parte e poi li unisco ai funghi all'ultimo). Aggiungo la farina alle patate, la quantità di farina varia a seconda del tipo di patata utilizzata, perchè alcune assorbono maggiormente la farina essendo più ricche d'acqua, mentre altre più pastose necessitano di meno farina perchè di natura sono più "asciutte", in ogni caso si deve ottenere un impasto morbido e compatto. Formare quindi una polpetta concava e inserire funghi e spinaci al centro, poi chiudere formando una sorta di pallina e appiattire infine con le mani. Cuocere in padella con un filo d'olio oppure in forno a 180° per 20 minuti circa.











martedì 2 febbraio 2016

Fiocchetti di pasta sfoglia

A volte non è facile dare un nome ad un piatto che prepariamo..come in questo caso :-) quindi li ho chiamati "Fiocchetti di pastasfoglia" perché dall'alto mi ricordano dei piccoli pacchetti regalo con un fiocchetto!
E' una sfiziosità che può essere dolce o salata, vegetariana o vegana oppure per chiunque ami l'abbinamento della pastasfoglia con l'affettato. Ho preparato quelli alla pancetta (che secondo me è l'affettato che più si abbina alla pastasfoglia perché è molto saporito) su richiesta degli amanti dei salumi..io li adoro con le melanzane e zucchine e formaggio a fette, oppure con marmellata e mele oppure ancora con la crema alle nocciole. Le foto che allego sono solo di quelli alla pancetta, ma nei prossimi giorni caricherò anche quelle dolci alle mele e quelli alle verdure che ho fatto per me e mia mamma (decisamente più sani e meno calorici) ;-).
Ovviamente è possibile utilizzare i rotoli di pasta già pronti oppure impastare e stendere, qui dipende dal tempo che abbiamo a disposizione, io per esempio avevo poco tempo ed ho acquistato la pasta già pronta.
Quelli salati sono perfetti per aperitivi/antipasti e da presentare a feste o buffet, mentre quelli dolci sono ottimi come merenda, colazione e, perché no, dopo cena!
Il nostro motto "belli da vedere e buonissimi da mangiare" funziona anche oggi!
Ingredienti:
1 rotolo di pastasfoglia rettangolare
Pancetta (opp. verdure alla griglia o al forno sottili opp. mele, ecc.)
formaggio a fette o sottilette o mozzarisella
Procedimento:
è molto più semplice osservare che spiegare a parole, comunque basterà tagliare la pasta in tre strisce orizzontali e quattro verticali, poi con la punta del coltello tagliare degli angoli di 90° distanziati circa mezzo centimetro dagli angoli del quadrato che si è formato. A questo punto mettere al cento il formaggio (un pezzettino) e poi sopra la pancetta o le nostre verdure (per quelli alle mele mettere sotto un velo di marmellata e poi le fettine di mela sottili). Alziamo gli angoli opposti in diagonale e li chiudiamo al centro (è più difficile da spiegare che da fare, per fortuna dalle foto si vede tutto!).
Infornare a 180/190° per 15/20 minuti quando li vedete un po' colorati. A piacere, prima di infornare, spennellare con latte o uovo, io solitamente per le ricette vegetariane/vegane uso il latte di soia, altrimenti spesso non uso nulla.