venerdì 16 giugno 2017

Ciambella salata ripiena | Impasto per pizza

Brunch della domenica. Un tavolo in giardino o sul terrazzo, piatti colorati, aria fresca, sole e famiglia. Ecco dipinto il quadro del brunch della domenica!
Tutti preparano qualcosa e i piatti sono già pronti perchè essendo portate "fredde" possono essere preparate anche il giorno prima. Adoro questi pranzi all'aperto, in giardino con la famiglia, in cui ci si rilassa e si sta insieme, se in inverno siamo in casa al caldo con piatti fumanti, in estate è piacevole e crea la giusta atmosfera se si sta insieme all'aria aperta. 
Oggi vi propongo una portata salata da servire sia calda che fredda, è l'ideale per brunch, buffet o pic nic, si prepara il giorno prima e si gusta tutti insieme: Ciambella salata ripiena!


Per questa versione ho preso spunto dalla ricetta della meravigliosa Chiarapassion (La Ricetta di Chiarapassion), apportando ovviamente le mie modifiche per personalizzarla.
Ho pensato ad un ripieno leggero e gustoso, morbido e umido al punto giusto, provatela e ve ne innamorerete!

Ingredienti:

Per la pasta:
250 g farina manitoba
250 g farina 0
3 cucchiai di olio evo
250 ml di acqua tiepida
1/2 cucchiaio di sale
1 bustina di lievito secco
1 cucchiaino di zucchero 
Semi di sesamo e lino q.b.

Per il ripieno:
1 zucchina grande o 2 medie
1 melanzana
150 g di prosciutto a cubetti
150 g di scamorza a cubetti
1/2 cipolla
10 pomodorini Pachino

Procedimento:

In una ciotola versare le due farine e il lievito secco, mescolare e aggiungere lo zucchero, poi l'olio ed infine l'acqua in cui ho sciolto il sale. Impastare bene. Lasciare in una ciotola coperta con pellicola e far lievitare almeno 2 ore (io la preparo all'ora di pranzo per stenderla alla sera).
Nel frattempo preparare la zucchina e la melanzana, tagliarle a cubetti e saltare in padella con un filo d'olio, sale e una parte della cipolla (non aggiungere acqua perchè ci serviranno piuttosto asciutte e croccanti). In una seconda padella con olio e cipolla far rosolare i cubetti di prosciutto e i pomodorini tagliati a spicchi e privati di semi. Quindi lasciar raffreddare il tutto.
Sul piano infarinato iniziare a stendere la pasta, creando un rettangolo (le misure dipendono dal tipo di stampo per ciambella che avete, il mio era da 24 cm quindi il rettangolo era circa 35x25). Versare le verdure e il prosciutto sulla pasta lasciando libero il bordo per circa due centimetri, aggiungere anche la scamorza a cubetti.
Ungere bene la teglia per ciambella e cospargere il fondo con i semi di sesamo e lino
Arrotolare per il lato lungo ottenendo un filoncino, quindi posizionarlo nella teglia unendo bene le estremità, spennellare poi la superficie con olio.
Cuocere in forno statico nella parte bassa, a 200° per 30 minuti circa. Raffreddare poi su una gratella.

Scegliete il ripieno che più vi piace, con affettati e formaggi, solo verdure, un mix di tutto, comunque si decida di prepararla è davvero gustosa!









martedì 13 giugno 2017

What I eat in a day #2 | Cosa mangio in un giorno

Cosa mangio in un giorno? Oggi lo scoprirete! :-)
Avevo già pubblicato l'anno scorso un post, con relativo video, in merito a questa rubrica famosissima sul web e YouTube. Devo dire che questa volta mi sono divertita a registrare questo tipo di video quindi prossimamente ne farò altri approfittando del fatto che posso mostrare ricettine veloci e semplici per i pasti quotidiani.
Questo che vi propongo è il mio menù di una giornata tipo: la colazione è quasi sempre quella che vedete nel post e di cui già vi avevo parlato, a pranzo mangio un primo piatto cercando ogni giorno di variare il tipo di cereale, mentre a cena vario ogni sera alternando uova, legumi, latticini e carne (quest'ultima veramente poca perchè come sapete non mi fa impazzire!).


La colazione:

Da quando è iniziata la primavera e le giornate più calde, nella mia colazione non possono assolutamente mancare le fragole e prossimamente aggiungerò frutti di bosco o pesche! Quindi yogurt e frutta a cui aggiungo cereali ogni tanto. Il caffè non manca mai al mattino, la giusta carica per un buon risveglio, poi salvo casi eccezionali non prendo altri caffè durante il giorno.
A metà mattina, che io sia al lavoro o a casa, non rinuncio al tè verde che preparo la sera prima in questo modo: in una brocca di vetro posiziono due filtri di tè verde a cui aggiungo l'acqua bollente e lascio in infusione circa 4 o 5 minuti, poi tolgo i filtri e lascio raffreddare. nel frattempo taglio un limone (da preferire quello non trattato) a pezzi grossi. Quando il tè si sarà intiepidito aggiungo il limone tagliato e due o tre foglioline di menta colta dal mio vasetto in giardino. Lascio in infusione a freddo per tutta la notte (in frigorifero) e al mattino è pronto! In estate posso dire che è la mia bevanda preferita e la bevo appunto al mattino, sfruttando tutte le proprietà del tè verde.
Clicca qui per il post dedicato alla mia colazione.




Il pranzo:

per equilibrare tutti i pasti, a pranzo preparo sempre un primo piatto cambiando cereale ogni giorno, dalla pasta integrale al riso, orzo, farro, grano saraceno, cous cous o quinoa, ecc., mi piace cambiare perchè ogni cereale apporta i suoi principi nutritivi.
In questo caso ho optato per un mix di grano saraceno, bulgur integrale e riso rosso che ho condito con erba cipollina e olive nere, che ho utilizzato poi per riempire un pomodoro (clicca qui per la ricetta). Ho completato il piatto con verdure grigliate (zucchine, melanzane e peperoni), inutile dire che adoro questo tipo di piatto! Ho completato il pranzo poi con tre albicocche.



La cena:

essendo al lavoro nel pomeriggio non faccio mai spuntini o merende, bevo una tisana ad infusione a freddo o un acqua aromatizzata alla frutta che lascio sempre in infusione la sera prima.
A cena preparo sempre un secondo piatto, alternando legumi, uova, formaggi o carne, con un contorno di verdura e un frutto.
In questo caso ho preparato delle uova sode che ho accompagnato insalata e carote con semi di zucca, lino e girasole. Inoltre ho preparato un estratto di pomodoro che condisco semplicemente con un pizzico di sale e basilico.



Questo è il "menù tipo" della mia giornata, di seguito trovate anche il video della preparazione.



venerdì 9 giugno 2017

Pasta al forno con mozzarella e pomodorini

Tempo. Non è mai abbastanza, ne abbiamo sempre bisogno e sembra sempre poco. Oggi è una di quelle giornate in cui di tempo ne vorremmo di più, per dedicarci alla casa e alla famiglia. Domani è sabato e recupereremo! 
Nel frattempo vi propongo una ricetta semplicissima per il pranzo della domenica o per una cena tra amici: Pasta al forno con mozzarella e pomodorini!


Senza besciamella, leggera, gustosa e profumatissima, piace veramente a tutti e ci si mette davvero poco a preparala!

Ingredienti: (per 4/5 persone)

500 g di pasta (tipo maccheroni, penne o mezze maniche)
200 g di mozzarella 
400 g passata di pomodoro
10 pomodorini pachino
2 cucchiai di pangrattato
Grana padano q.b.
Sale, olio, origano e basilico q.b.

Procedimento:

Cuocere la pasta in acqua bollente e scolarla al dente.
Mescolare la passata di pomodoro con olio, origano, sale e basilico, poi condire la pasta e renderla bella sugosa! In una teglia o pirofila creare il primo strato di pasta, cospargere di grana padano, un filo d'olio e la mozzarella a cubetti ( a piacere aggiungere ancora origano e basilico), continuare con gli stati di pasta e formaggio. Concludere con la pasta a cui aggiungere i pomodorini tagliati a meta, grana padano, pangrattato e olio. 
Infornare in forno caldo ventilato a 190° per 20 minuti circa.




martedì 6 giugno 2017

Pomodori ripieni con grano saraceno

Una nuova settimana è iniziata, qualche nuvola e temporali hanno allentato la presa del caldo che ci aveva già travolto e la voglia di freschezza sulle nostre tavole è arrivata!
Essendo un periodo di impegni e relativa stanchezza, cerco di preparare ricettine semplici e veloci,  che non rinunciano a stupire. Ho tante ricette da sperimentare e da proporre, speriamo di riuscire a trovare un po' di tempio e tranquillità per realizzarle.
La ricetta di oggi è perfetta per l'estate, per i pranzi/cene all'aperto, per i pic nic e per i giorni in cui avete poco tempo: Pomodori ripieni con grano saraceno!


È possibile farcirli con il cereale che preferite (orzo, farro, riso, ecc.), io ve li consiglio con il grano saraceno, una pianta antica, squisito e nutriente. È ricco di proteine vegetali, fibre, vitamine e sali minerali, inoltre è un ottimo regolatore del tasso glicemico.
Per la preparazione di oggi ho usato 40 g di grano saraceno e 30g di mix di riso rosso e bulgur integrale e troverete la video ricetta nel prossimo post perché farà parte del mio "what I est in a day".

Ingredienti: (per 1 persona)

70 g di grano saraceno
1 pomodoro (o 2)
Olive nere q.b.
Erba cipollina e basilico q.b.
Sale e olio q.b.

Procedimento:

Lavare il pomodoro e tagliare la parte superiore, poi svuotare con un cucchiaino. Salare leggermente l'interno e capovolgere sopra un panno carta per eliminare l'acqua di vegetazione.
Nel frattempo portare ad ebollizione l'acqua e cuocere il grano saraceno, scolarlo e far raffreddare. In una ciotola tagliare le olive a rondelle e unire il grano, insaporire con erba cipollina e basilico, olio e sale. Riempire il pomodoro e servire.
Nella stagione invernale sono ottimi anche cotti al forno.




Nel video che trovate di seguito del mio "What I Eat in a Day" trovate la video ricetta di questo piatto!


venerdì 2 giugno 2017

Zucchine tonde ripiene | Vegan recipe

Giugno. La parola "caldo" è sicuramente la più ripetuta negli ultimi giorni di maggio e com'è logico lo sarà da qui in poi. 
L'estate è arrivata in anticipo, ma ormai nulla segue più il naturale corso delle stagioni quindi sia che  siamo pronti o rassegnati, godiamoci il momento.
Questa settimana per vari (e troppi) impegni non sono riuscita a pubblicare il post previsto per martedì quindi ripropongo oggi la ricetta che avevo in programma. 
Le verdure sono ancora protagoniste perché le adoro alla follia! Mentre ero al supermercato per la spesa settimanale ho visto queste meravigliose zucchine tonde, avendo una ricetta che volevo provare da diverso tempo ho colto subito l'occasione: Zucchine tonde ripiene!


Bellissime e leggere, con poche calorie, sono un piatto da servire caldo o freddo. Perfetto per chi è vegetariano o vengano e per chi ha intolleranze alimentari.

Ingredienti:

4 zucchine tonde
230 g di ceci cotti
Cipolla q.b.
Erba cipollina e prezzemolo q.b.
Pane grattugiato q.b.
Sale, pepe e olio q.b.
2 cucchiai di grana padano (a piacere)

Procedimento: 

Lavare le zucchine e tagliare la parte superiore (da tenere per decorare), quindi con un coltello piccolo e un cucchiaino iniziare a svuotarle, salare leggermente l'interno e posizionarle a testa in giù per eliminare l'acqua di vegetazione. In una padella con un filo d'olio evo e la cipolla, cuocere la polpa della zucchina che abbiamo svuotato ed insaporire con sale e pepe a piacere.
In una ciotola versare i ceci cotti, l'erba cipollina fresca e il prezzemolo fresco. Aggiungere ai ceci la polpa della zucchina cotta e, con un frullatore ad immersione, frullare bene tutto. A questo punto, a seconda della consistenza, aggiungere il pane grattugiato e il grana, finché non si ottiene un composto abbastanza asciutto e compatto. Riempire le zucchine fino al bordo e riposizionare il "cappellino" tagliato inizialmente. Mettere le zucchine in una teglia con un filo d'olio e due dita d'acqua, quindi cuocere in forno caldo a 170• per 45/50 minuti.

Ottime a temperatura ambiente da servire per pranzi o cene estive e buonissime anche calde in tutte le stagiola!







venerdì 26 maggio 2017

Torta salata alle verdure

Weekend. Ultimo venerdì di maggio, ultimo weekend prima di aprirci definitivamente alla stagione estiva. La primavera è meravigliosa e mi dispiace che stia già finendo, ma l'estate porta con sè tante belle giornate, colori e viaggi indimenticabili ogni anno.
Finalmente arrivano anche le verdure più buone dell'anno e non vedo l'ora di averle nelle mia cucina direttamente dagli orti di papà e zio!
A tavola i piatti sono sempre più leggeri e freschi, anche se non mancano mai golosità in forno da gustare poi anche fredde, come ad esempio la ricetta di oggi: Torta salata alle verdure!


Bellissima, buona e leggera, è una torta salata veloce e semplice da preparare. Inoltre potete utilizzare le verdure che amate di più oppure le verdure "svuota frigo", non c'è nessun ripieno da creare ed è sfiziosa sia calda che fredda.

Ingredienti:

1 melanzana
1 pomodoro medio/grande
1 zucchina
1 rotolo di pasta sfoglia
Scamorza a fette
Sale, olio, origano, erbe aromatiche q.b.

Procedimento:

Con un rotolo di pasta sfoglia rotondo utilizzare una tortiera da 22 cm. Lavare e affettare le verdure con lo spessore di circa 3-4 mm. Posizionare la pasta sfoglia nella tortiera con carta forno e tagliare la striscia di pasta in eccesso che esce dai bordi.
Bucherellare il fondo della sfoglia e distribuire le fettine di scamorza. Iniziare quindi a posizionare le verdure tagliando a metà la fetta di melanzana e di pomodoro, ottenendo così dei "petali" che comporranno il fiore.
Creare un giro di melanzana e uno di pomodoro, quindi creare un giro di pasta sfoglia con una parte di quella avanzata dalla base. Proseguire con altri giri di verdura e sfoglia, concludere con fettine di zucchina arrotolata sulla striscia di sfoglia rimasta e posizionarla al centro.
(Se la vostra tortiera è più grande e non vi avanza sfoglia, utilizzate un altro rotolo da cui ricavare le strisce da alternare alla verdura).
Cospargere sulle verdure un filo d'olio, sale, origano o altre erbe aromatiche che desiderate.
Cuocere nella parte bassa del forno caldo statico a 180° per 10 min, quindi passare al ventilato per altri 15 minuti. Lasciar raffreddare su una gratella.





martedì 23 maggio 2017

Bundt Cake al cioccolato | American recipe

Amore. La scorsa settimana ho ascoltato parole di amici che soffrivano per amore, ho ascoltato testimonianze di vita dedicate all'amore verso gli altri, ho visto una famiglia abbracciata per l'amore verso chi non c'è più. L'amore è così. E' il sentimento protagonista della vita di tutti, in tutte le sue forme.
La maggior parte delle cose che facciamo ogni giorno le facciamo per amore e non c'è niente di più bello al mondo che rendere felice chi amiamo!
Oggi la ricetta che propongo è forse una delle mie preferite, è una torta che adoro preparare e questo mese l'occasione per prepararla è stato il compleanno del mio Amore, Amore con la A maiuscola, la mia vita e il mio tutto, mio marito, goloso di dolci soprattutto quelli a base di cioccolato, quindi: Bundt Cake al Cioccolato!


La Bundt Cake è una ciambella soffice e scenografica, tipica dei paesi nord europei, che si prepara utilizzando uno stampo speciale che dona una forma speciale alla ciambella, ricca di scanalature, che a sua volta permette di accogliere meglio qualsiasi tipo di decorazione.
Oggi è una torta molto diffusa in America, dove ne esistono numerose varianti, infatti non troverete mai un'unica ricetta per questa preparazione, ma infinite e oggi vi propongo la mia.

Per lo stampo, il mio preferito in assoluto è questo della Nordic Ware.

Ingredienti:

60 g di acqua
50 g di caffè
90 g di cacao amaro
70 g di cioccolato fondente
240 g di panna fresca
160 g di burro (o margarina vegetale)
250 g di zucchero
3 uova
210 g di farina 0
1 bustina di lievito per dolci

Procedimento:

In un pentolino versare l'acqua e il caffè (anche appena fatto o freddo), aggiungere il burro, la panna e il cioccolato fondente. Accendere a fuoco basso e far sciogliere bene il tutto mescolando di tanto in tanto. Aggiungere anche il cacao poco per volta mescolando, facendo attenzione ai grumi. Quando sarà omogeneo, spegnere il fuoco e aggiungere lo zucchero, sempre mescolando e facendolo sciogliere bene, quindi lasciar raffreddare per qualche minuto versando il tutto in una ciotola capiente. Aggiungere a questo punto le uova e incorporarle al composto con una frusta. Nel frattempo preparare la farina e il lievito, uniti e setacciati da incorporare infine al composto liquido, poco per volta amalgamando bene.
Quando il composto finale è omogeneo e liscio, imburrare uno stampo e polverizzarlo con il cacao, quindi versare il composto. 
Cuocere in forno caldo a 170° per 35/40 minuti, facendo sempre la prova stecchino.
Quando è cotta, lasciar raffreddare una decina di minuti e rimuoverla dallo stampo, continuando a raffreddare su una gratella.

Per la decorazione ho scelto di spennellare la superficie delle scanalature con la crema alle nocciole e cospargere poi di zuccherini colorati. In alternativa ricoprire con zucchero a velo, con glassa, con cioccolato fuso, ecc., come più vi piace!
Morbida, buona e golosa, umida al punto giusto, piacerà davvero a tutti, grandi e piccoli!








venerdì 19 maggio 2017

I miei 5 libri preferiti sul tema Alimentazione

In questi anni il mio interesse legato al tema alimentazione è cresciuto sempre di più. Ho iniziato ad avvicinarmi a questa sfera leggendo articoli e ascoltando conferenze di medici e ricercatori che associano l'alimentazione all'insorgere o al peggioramento di alcune patologie più o meno gravi.
E' decisamente un tema complesso, ampio e tra i più importanti che siano stati trattati negli ultimi decenni, da quando probabilmente ci si è resi conto che forse un po' di male ce lo facciamo da soli.
Non ho le competenze né titoli per dire cosa è bene e cosa è male, ma analizzando le problematiche e le cose che accomunano gruppi diversi di individui, ho iniziato a farmi un'idea di come vorrei che fosse la mia alimentazione.
In televisione, sui giornali, nel web e sui social, questo è forse uno dei temi più discussi e accesi, e a seconda di ciò che si vuol far passare vediamo pendere l'ago della bilancia da una parte o dall'altra. Non mi limito ad ascoltare dibattiti di chi vuole solo dire la sua, ma sono anni che leggo libri e manuali, ascolto conferenze e leggo articoli di chi dedica la sua vita alla ricerca.
Oggi voglio condividere con voi i cinque libri, quindi una top 5, che ritengo essere i miei preferiti (sottolineo il fatto che sono i MIEI preferiti, ma ne ho letti anche molti altri), quelli che mi hanno aiutato a conoscere nel dettaglio moltissimi alimenti, come utilizzarli, quali benefici posseggono e come abbinarli nell'alimentazione. Noterete che sono libri che associano principalmente l'alimentazione di origine vegetale con il benessere, la prevenzione e la salute. La descrizione dei libri è tratta direttamente del sito della Feltrinelli.
Sono un ottimo spunto, per unire alla medicina uno stile di vita sano ed equilibrato.

1) I MAGNIFICI 20 di Marco Bianchi

Che una buona alimentazione sia fondamentale per la salute lo si sa da sempre; in che misura lo sia, e perché, è oggetto e patrimonio della ricerca scientifica, i cui risultati trovano oggi sempre maggiore risonanza nei media e rispondenza nella sensibilità delle persone. Con gli alimenti si può non solo fare prevenzione ma persino curare, nel senso etimologico del "prendersi cura"; è questo il campo di una nuova disciplina, la "nutraceutica", in cui s'incontrano "nutrizione" e "farmaceutica". Scritto da un ricercatore che da anni studia l'impatto delle diverse sostanze sulle nostre cellule, questo libro risponde alla domanda fondamentale di chiunque si avvicini al tema "alimentazione e salute": Quali sono gli alimenti che "curano" di più e meglio? Ecco allora i magnifici 20, famiglie tanto assortite quanto ricche di virtù, che si tratti di vitamine, minerali, acidi grassi... ma generose anche di colori, sapori, profumi e consistenze. E siccome, oltre a essere uno scienziato, il nostro autore è appassionato di cucina e instancabile sperimentatore tra i fornelli, scopriremo che i Magnifici 20 non sono "buoni" solo perché fanno bene: diventano cibi, e si trasformano in bontà.
Acquista su Amazon


2) IO MI VOGLIO BENE di Marco Bianchi

Mangiare "buono e sano" non solo è possibile, è anche semplice, afferma Marco Bianchi: basta conoscere gli alimenti. "Io mi voglio bene" nasce dal desiderio di condividere questo sapere, perché se "siamo quello che mangiamo" (e lo siamo) è davvero fondamentale approfondire il discorso. Marco lo fa in due modi. Innanzitutto, da scienziato: racconta tutto ciò che avremmo voluto sapere sui cibi e non ci hanno detto, dai benefici che apportano al nostro organismo alle malattie che ci aiutano a prevenire, dai nutrienti che contengono alla loro interazione con il nostro genoma. In secondo luogo, da chef: per questa occasione ha aperto il suo ricettario e ha estratto i piatti che più rappresentano la sua idea di cucina del benessere. Tra ricette completamente nuove, rinnovate, ripensate e grandi classici, ha riunito in questo libro più di 300 idee per portare in tavola la salute in tutte le forme immaginabili. Per mettere un po' d'ordine in questa massa enorme di conoscenze e spunti, Marco ha suddiviso "Io mi voglio bene" in dieci capitoli, ciascuno dedicato a un alimento: scopriremo le mille virtù di semi e frutta secca e i superpoteri dei cereali integrali (con e senza glutine); impareremo a scegliere le proteine più salutari, zigzagando tra il pesce azzurro e il formaggio (e non); smaschereremo gli insospettabili legumi, che siamo abituati a considerare "cibo povero" e non lo sono affatto, e ci stupiremo nel trovare un numero pressoché infinito di alleati di ogni colore...
Acquista su Amazon

3) MANGIAR SANO E NATURALE di Michele Riefoli


Consapevolezza alimentare ed evoluzione della coscienza: ecco i due pilastri su cui poggia questa preziosa guida, capace di rispondere alle domande più importanti su cibo, salute ed ecologia. Con un taglio educativo-scientifico e un linguaggio comprensibile da tutti, Michele Riefoli traccia un percorso di consapevolezza alimentare in grado di migliorare il nostro stato di salute e benessere e, al tempo stesso, di diminuire l’impatto ambientale del nostro stile di vita. Mangiar Sano e Naturale con Alimenti Vegetali e Integrali è un manuale di educazione alimentare ricco di informazioni utili, capace di spiegare l’importanza dell’ascolto del corpo e di indirizzare le scelte alimentari di chi voglia migliorare le proprie prestazioni fisiche e mentali in modo naturale.
Acquista su Amazon

4) LA DIETA SMART FOOD di Eliana Liotta


Questo è un libro che fa finalmente chiarezza su cosa, quanto e come mangiare per vivere di più e meglio. Smartfood è la prima dieta italiana con un marchio scientifico: nasce in collaborazione con un grande centro, l'Istituto europeo di oncologia (IEO) di Milano. Facile da seguire, propone un metodo in due fasi per cambiare senza sacrifici le abitudini a tavola. I risultati? Si combattono i chili di troppo e si prevengono cancro, patologie cardiovascolari, metaboliche e neurodegenerative. Ormai si è capito che alcuni alimenti si comportano come farmaci, capaci di curare e proteggere l'organismo. E i protagonisti della Dieta Smartfood sono proprio questi super cibi: 30 Smartfood, da non farsi mancare a tavola perché sono alleati della linea e della salute. Sono smart, cioè brillanti, intelligenti, perché la loro azione sul nostro corpo è straordinaria. Saziano, contrastano l'accumulo di grasso, allontanano le malattie e allungano la vita. Si tratta di alimenti comuni: dalla lattuga ai cereali integrali, dalle fragole ai pistacchi. In questo libro, Eliana Liotta spiega in modo semplice come inserirli nei menù e rivoluzionare in poche mosse il nostro stile di vita. Ogni consiglio è improntato al rigore scientifico, perché la Dieta Smartfood si basa su migliaia di ricerche, selezionate dalla nutrizionista Lucilla Titta, e sugli studi all'avanguardia di nutrigenomica, la disciplina che va a individuare le relazioni tra patrimonio genetico e cibo. Si è scoperto infatti che alcune molecole che assumiamo con l'alimentazione influenzano i nostri geni e quindi il nostro stato di salute. Non solo: l'ipotesi più affascinante, in corso di sperimentazione, è che addirittura riescano a imbavagliare i geni che ci fanno invecchiare. Il pioniere di questi studi è uno dei coautori del libro, Pier Giuseppe Pelicci, il primo scienziato al mondo ad aver dimostrato l'esistenza dei geni dell'invecchiamento nei mammiferi.
Acquista su Amazon

Ho conosciuto Eliana Liotta durante una conferenza che ha tenuto nella mia città, in questa foto sono con lei per l'autografo di rito!


5) THE CHINA STUDY di T. Campbell


Un testo monumentale con un importante studio epidemiologico durato ventisette anni e realizzato in collaborazione con varie università. Lo scienziato americano T. Colin Campbell, assieme al figlio Thomas M. Campbell II, studiano la relazione fra dieta e malattia, giungendo a conclusioni sorprendenti. Finalmente alcune delle tesi fondamentali da sempre sostenute dalla medicina naturale sono verificate e testate: la genetica non è il fattore predominante nella genesi delle malattie; il controllo ossessivo di grassi, carboidrati, colesterolo e omega-3 non dà come risultato una buona salute; farmaci e chirurgia da soli non curano le malattie di cui siamo affetti; il cancro al seno è correlato a una situazione ormonale alterata che è determinata anche dal cibo che mangiamo; il consumo di latticini può aumentare il rischio di cancro alla prostata; gli antiossidanti contenuti in frutta e vegetali sono correlati a una migliore performance mentale nella terza età; vari tipi di cancro sono correlati al consumo eccessivo di proteine animali.
Acquista su Amazon

Il mio è un blog di cucina, di ricette casalinghe alla portata di tutti. Mi è stato chiesto più volte se cucino ogni giorno piatti "golosi" in relazione alle ricette che propongo e la mia risposta è ovviamente no! Le ricette che io definisco particolari sono quelle legate a qualche festività, occasioni speciali, feste oppure ospiti a casa, oppure ancora quelle che preparo per amici o parenti che me le richiedono, e penso sia così per tutti i blog, le archivio man mano e le propongo.
Non sono né vegana né vegetariana, ma posso definire la mia alimentazione composta da un 80% di alimenti di origine vegetale e un 20% animale.
Mangiare cibi che riteniamo "non sani" non fanno male al primo boccone, se il consumo è sporadico ben vengano, come per tutte le cose l'importante è non eccedere!